VIVERE OGGI significa essere consapevoli che ognuno di noi è parte di un tutto.

La visione sistemica della vita ci dice che la realtà è un'interrelazione e interdipendenza di tutti i fenomeni fisici, biologici,psicologici, sociali e culturali. Ed è in questa visione che si inserisce la Gestalt, che aveva visto già da tempo, come il tutto è non solo costituito dalle sue parti, ma che addirittura lo trascende verso qualcosa che può essere, più della somma stessa delle sue parti, mutuando ciò dalla teoria del campo di Lewin.

L'Enneagramma è un'antica tradizione che veniva trasmessa per via orale e consisteva in una chiave di lettura del carattere.

La leggenda intorno ad esso lo fa risalire a 2500 anni prima della nascita di Cristo per poi venire insegnato intorno al XIV o XV secolo dai sufi, corrente mistica, dell'islamismo. L'occidente sente parlare per la prima volta dell'enneagramma agli inizi degli anni venti grazie a Gurdjieff, uomo avventuroso e maestro spirituale. Questi scompare nel 1949 e prende il suo testimone Oscar Ichazo che lo fa vivere fino agli anni sessanta epoca in cui il suo allievo, Claudio Naranjo, lo diffonde da allora in tutto il mondo sino a tutt'oggi.

La pratica dello Stare "Qui e Ora"

La Consapevolezza è la pratica dell'essere nel Presente ossia c'è un passato e un futuro, ma non si è agganciati né al passato né al futuro.